060608


Santuario di Santa Maria del Divino Amore

Tipologia: Chiesa parrocchiale

Indirizzo

Indirizzo: Via Ardeatina, km 12
Zona: Quartiere Ardeatino (Roma sud)
Inserire l'indirizzo di partenza
via del Santuario

Contatti

Telefono: +39 06 713518
Fax: +39 06 71353304

Orario

Aperto:
Feriali: 6.30-20.00
Festivi: 6.00-20.30 (ora legale: 5.00-21.00)
Durante le celebrazioni non è consentito visitare la Chiesa.
Per gli orari delle SS. Messe telefonare alla Chiesa.
Gli orari possono subire cambiamenti. Si suggerisce di verificare contattando la chiesa o visitando il sito: www.santuariodivinoamore.it/section.php?page=celebrazioni

 

 

Descrizione

Le sue origini risalgono al XIII secolo, quando nella zona sorgeva una sorta di fortezza della famiglia Orsini, chiamata Castel di Leva. Su una torre era affrescata un’immagine della Vergine, molto venerata dai pastori della zona. Nel XV secolo un pellegrino che stava per essere assalito dai cani chiese aiuto alla Madonna e fu miracolosamente salvato. Nel 1744 Benedetto XIV fece erigere una chiesa sui ruderi dell’antico castello, dove fu posta la miracolosa immagine. L’8 dicembre 1932 la chiesa divenne parrocchia, retta da Don Umberto Terenzi, fondatore delle Figlie della Madonna del Divino Amore (1942), cui succedettero i sacerdoti oblati che oggi custodiscono il santuario. Nel 1944 tutto il popolo di Roma chiese alla Vergine del Divino Amore la salvezza della città dagli orrori della guerra e promise la costruzione di un nuovo santuario che si è cominciato a edificare nel 1991. La chiesa settecentesca, forse opera di Filippo Raguzzini, presenta una facciata con timpano centinato tra due finestre. Sopra il timpano triangolare di coronamento è posta la statua della Vergine Maria. L’interno, a navata unica, è semplice e ornato di affreschi e dipinti del XIX secolo. Nel 1947, nella cisterna dell’antico castello, è stata realizzata la cripta dell’Addolorata dove si può vedere una riproduzione artistica del primo miracolo della Madonna del Divino Amore e del Voto di Maria.

Per saperne di piĆ¹

Cultura e svago › Luoghi di culto di interesse storico-artistico › Chiese cattoliche
Data di ultima verifica: 07/12/16 16:41
©2007 - Roma Versione classica