060608


Fontana dell'acqua Vergine a via Flaminia

Tipologia: Fontane

Indirizzo

Indirizzo: Via Flaminia
Zona: Quartiere Flaminio (Roma nord)
Inserire l'indirizzo di partenza
angolo via di Villa Giulia

Contatti

Descrizione

La fontana è stata realizzata per volere di papa Giulio III (1550-1555), tra il 1552 ed il 1553, sul muro perimetrale della villa extraurbana del pontefice, in angolo tra la via Flaminia e la via di Villa Giulia.
 
Ispirata alle mostre d’acqua dell’epoca romana, la monumentale fontana murale era alimentata dall’acquedotto Vergine, i cui condotti scorrevano nella proprietà della famiglia del papa.
Dopo la morte di Giulio III ed una serie di contrastate vicende ereditarie, la villa passò a Pio IV (1559-1565) che donò la parte verso la via Flaminia ai nipoti Federico e Carlo Borromeo. L’aspetto della fontana cambiò quindi notevolmente: nel 1561, su disegno di Pirro Ligorio, iniziò infatti la costruzione dell’edificio al di sopra della fontana stessa, noto come: “la palazzina di Pio IV”, e probabilmente vennero rimosse le statue poste sul coronamento. Nel prospetto superiore fu inserito lo stemma del papa, sorretto dalle due vittorie alate, insieme all’iscrizione con il nome del cardinale Carlo Borromeo, mentre nelle colonne e nelle lesene angolari l’ordine ionico sostituì il corinzio della parte inferiore; due finestre rettangolari, ornate nella parte sovrastante da festoni, volute e stemma centrale, riprendevano il motivo delle due nicchie dell’ordine sottostante. Nel 1566 Filippo Colonna sostituì alla originaria iscrizione di Giulio III l’epigrafe recante il suo nome ed in luogo della testa di Apollo collocò sulla vasca il mascherone, lo stemma e i due delfini dell’attuale composizione. Infine, nel 1750, Benedetto XIV fece collocare il proprio stemma al centro del timpano.

Data di ultima verifica: 19/10/16 16:22
©2007 - Roma Versione classica